3/10/2016 INTERVENTO DI BASILIO RIZZO – MILANO IN COMUNE

CONSIGLIO COMUNALE DEL 3 OTTOBRE 2016

INTERVENTO DI BASILIO RIZZO – MILANO IN COMUNE

Vorrei, come ho già annunciato, parlare a favore dei diritti del Consiglio; lo farò elencando una serie di questioni sulle quali al consiglio non è mai stata occasione di intervenire.

Human Technopole.

Ho letto il decreto del Presidente del Consiglio che dice: “Sul progetto sono stati sentiti il Comune e una serie di altri enti”.

Quando ne abbiamo discusso noi? Chi è il Comune? Ho chiesto questo documento, ringrazio i nostri uffici che mi hanno immediatamente dato il testo: l’ho letto. Dice: “….. è approvato il progetto Human Technopole allegato…. “ . Chiedo l’allegato. Mi rispondono non c’è. Ho visto solo qualche slide il martedì scorso durante la presentazione al Piccolo Teatro con Renzi.

Post Expo.

Si dice nell’accordo di programma, nel Patto per Milano: “Facilitare il processo di liquidazione della società Expo”.

Quando ne abbiamo discusso? Non era tutto a posto con un ricco patrimonio attivo?

Arexpo.

Il progetto della società Arexpo: Verde, Human Technopole, Università, dove ne abbiamo discusso come Consiglio Comunale? Ne avevamo discusso nel 2011 ed è stato disatteso quello che lo stesso Consiglio Comunale aveva approvato con una mozione. Le dichiarazioni del presidente di Arexpo poi sono al proposito davvero inquietanti.

E quando si potrà dire che la discussione sull’assetto urbanistico di Città Studi deve essere contestuale all’eventuale trasferimento dell’Università a Rho – Pero?

ATM Trenord.

Ho letto sui giornali che è stato costituito un tavolo di lavoro per preparare le operazioni legate a questo eventuale accordo, dove e quando abbiamo discusso di questo e dato quest’indicazione? Ci conviene? Come si lega alle vicende scali ferroviari? Oggi abbiamo letto su Ferrovie Nord qualche problema di altra natura.

Internazionalizzazione della città.

Devo ringraziare il Presidente della Commissione ed il Capo di Gabinetto dottor Vanni che sono venuti a riferire qualcosa, ma discutiamo di scelte fatte da chi? Quando abbiamo discusso di chiedere l’Agenzia Europea del Farmaco a Milano in questo Consiglio Comunale?

Leggo, sempre dal Patto per Milano: la Giunta ha ravvisato l’opportunità di creare una società pubblico privata sul modello londinese di London Partner. Posso ricordare che la competenza a costituire le società è del Consiglio Comunale e non della Giunta?

Nel Comitato d’indirizzo di controllo del Patto per Milano, mi sono letto anche questo, credo che sarebbe utile studiassimo tutti insieme questo, c’è scritto: “È previsto un rappresentante della città di Milano nel Comitato d’indirizzo e di controllo”: parole squisitamente affidate al Consiglio Comunale “indirizzo e controllo”.

Chi ha scelto chi sarà questo rappresentante? Chi è il responsabile unico dell’attuazione dell’intesa? Ad esempio se si dovessero decidere le priorità come le facciamo a determinare?

Potrei aggiungere altro, ma metto solo i titoli per ragioni di tempo

Sulle aree dell’ex Ippodromo quando ne discutiamo?

Sull’organizzazione della struttura comunale ho scritto, sono arrivate indiscrezioni, al nostro Direttore Generale per sapere se è vero che esiste una collaborazione con una società privata esterna incaricata di questo; ad oggi non ho avuto ancora risposta, basterebbe dire se è vero o non è vero. Non mi è stato risposto, a proposito di trasparenza.

È vero che si preparano grandi rientri nella macchina comunale di alcuni dirigenti del passato? La riorganizzazione della Polizia Locale avverrà ed in che modo? Dove ne abbiamo discusso? Le manovre sulle partecipate, che si leggono sui giornali quotidianamente, dove ne abbiamo discusso? Quando discuteremo di tutti questi temi?

Perché ad oggi il Consiglio Comunale si è riunito e ha discusso di biglietti, di ambrogini e di altre questioni particolari, mai delle grosse questioni, quando ne discuteremo dirò la mia, oggi pongo la questione di principio.

Il Consiglio non va coinvolto a monte invece che a valle? Per ratificare decisioni già prese, come, da chi e nell’interesse di chi?

Voglio manifestare questo disagio e la determinazione a contrastare questo modo, questa divaricazione nell’azione amministrativa che se fosse preordinata e scientificamente perseguita sarebbe una sorta di smantellamento del ruolo del Consiglio comunale per cui in Consiglio si discute di cose minori, mentre le cose che contano vengono decise altrove, con la beffa, magari, di portarli al voto in aula quando il processo ormai è irreversibile. Come si fa poi a tornare indietro.

La buona politica, la trasparenza e la partecipazione cominciano con il rispetto dell’organismo che rappresenta la città.

Spero che il Sindaco e la Giunta vogliano rendersene conto.

I commenti sono chiusi